Logo Regione Autonoma della Sardegna
SISTEMA INFORMATIVO DEL LAVORO E DELLA FORMAZIONE IN SARDEGNA

Programma Garanzia Giovani: Avvio seconda fase

Garanzia giovani, via libera alla seconda fase per complessivi 44 milioni

L’insieme di misure, che nella prima fase, dal 2014, ha consentito di dare una risposta concreta al fenomeno della disoccupazione giovanile, alla dispersione scolastica e all’esclusione sociale dei giovani NEET, viene ora riproposto con alcune significative novità.

 

Ammonta a 44 milioni di euro il plafond di risorse assegnato alla Sardegna dall’Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro per la seconda fase di Garanzia Giovani. Oggi in Giunta, su proposta dell’assessorato del Lavoro, è stato dato il via libera al Piano di Attuazione Regionale del Programma Operativo Nazionale IOG – Iniziativa Europea per l’occupazione dei giovani. L’insieme di misure, che nella prima fase, dal 2014, ha consentito di dare una risposta concreta al fenomeno della disoccupazione giovanile, alla dispersione scolastica e all’esclusione sociale dei giovani NEET, viene ora riproposto con alcune significative novità. Due sono gli assi tra i quali sono ripartite le risorse, per altrettanti differenti target di destinatari: il primo, per 19 milioni 241mila euro, interamente destinato ai NEET, ovvero chi tra i 15 e i 29 anni non studia né lavora; il secondo e nuovo asse, che riserva 24 milioni 767mila euro a giovani fino a 35 anni, con l’estensione di Garanzia Giovani anche ai non NEET, impegnati ancora negli studi.

 

LE MISURE.

All’orientamento e presa in carico da parte dei servizi per l’impiego, con il rilascio della Scheda Anagrafico Professionale sono riservati un totale di 3 milioni 740mila euro, mentre all’orientamento di secondo livello, mirato a disegnare per il destinatario della misura un “progetto professionale”, sono destinati 1 milione 952mila euro. Alla formazione mirata all’inserimento lavorativo, effettuata in azienda, con l’acquisizione di competenze professionali sul campo vanno 4 milioni 326mila euro. La voce di spesa più cospicua, con 15 milioni 374mila euro, è per il reinserimento di giovani 15-18enni nel sistema di istruzione e formazione professionale, misura strategica della Regione per abbattere la dispersione scolastica, con l’introduzione prima dei percorsi triennali, poi del quarto anno per il Diploma professionale di Tecnico. Assunzione e formazione (con 2 milioni 680mila euro) è una delle nuove misure: essa prevede la formazione successiva all’assunzione, per l’acquisizione delle competenze mancanti. Accompagnamento al lavoro (1 milione 955mila euro): è attivabile all’interno del percorso personalizzato individuato durante la fase di orientamento. Per i tirocini extra curricolari le risorse disponibili ammontano a 9 milioni 600mila euro vanno. I tirocini fuori dalla Regione di residenza e all’estero sono finanziati con altri 300mila euro. Al Servizio civile nazionale va 1 milione 578mila euro e, altra novità di Garanzia Giovani, è previsto anche il Servizio Civile Nazionale nell’Unione Europea, finanziato con 1milione 351mila euro: misura realizzata in specifiche aree di intervento, essa prevede anche una formazione generale e linguistica, presso enti e amministrazioni operanti nell’UE, con il riconoscimento di un costo forfettario in favore del giovane. Per il sostegno all’autoimpiego e all’autoimprenditorialità vengono allocati 240mila euro, mentre 100mila euro vanno a finanziare la mobilità dei giovani lavoratori in Italia e negli altri paesi dell’Unione Europea. Nuove le ultime tre voci di spesa: creazione di reti territoriali (476mila euro); Strumenti per incentivare l’accesso ai corsi degli Istituti Tecnici Superiori al fine di rafforzare l’istruzione tecnica terziaria (333mila euro) e un progetto pilota, a regia Nazionale ANPAL, di Social Impact Investing.

 

Piano Attuazione Regionale II Fase (700.2 KiB) [file.pdf]

Deliberazione 8/31 del 19.02.2019 (88.4 KiB) [file.pdf]